Utili aziendali ai tempi del Covid

Utili aziendali ai tempi del Covid

finanziamenti fondo garanzia
Finanziamenti fino a 25.000 euro mai erogati?
8 Luglio 2020
acconti e saldi andrew & sax
Tasse: addio acconti e saldi? 
5 Agosto 2020
utili aziendali

Imprenditore, oggi vogliamo rivolgerci in particolare a te che da un po’ di tempo, ormai, non riesci più a concederti una sola notte serena. I tuoi pensieri e le tue preoccupazioni vanno sempre lì, lo sappiamo bene. Vanno agli utili aziendali ai tempi del Covid.

È da quando è scoppiata in tutta la sua drammaticità questa emergenza economica che non riesci a pensare ad altro. A come restare a galla in questo periodo difficile, a non affondare mandando in fumo una vita intera di sacrifici e sudore della fronte. Non che questo pensiero possa migliorare le cose, ma sappi che non sei solo. Persino le più grandi multinazionali petrolifere stanno correndo ai ripari. Come? Tagliando i dividendi. Ben 197 società europee quest’anno non distribuirà ai soci i dividendi, ma li manterrà gli utili aziendali in cassa.

Fatte le debite proporzioni, rafforzare la liquidità e diversificare il rischio può rappresentare una scelta furba per ogni imprenditore, qualunque sia il suo settore merceologico ed il suo volume di affari.

Utili aziendali ai tempi del Covid: una scelta difficile

La pandemia ed il conseguente lockdown scatenati dal Covid-19 hanno avuto l’effetto di ingenerare quella che è stata definita come la peggiore crisi economica dalla Grande Depressione del 1929.

Ma uscirne si può, basta saper individuare gli obiettivi giusti, con l’aiuto di professionisti che ti sappiano indirizzare nella scelta delle strategie migliori per ripartire, anche sotto il profilo delle strategie a medio e lungo termine. Tra queste, di primaria importanza vi è la decisione in merito agli utili aziendali.

Cosa vuol dire? Per capirlo, diamo un’occhiata al panorama imprenditoriale italiano ed internazionale.

Come sappiamo (per approfondimenti clicca qui), i Governi nazionali – compreso quello italiano – hanno deciso di non dare aiuti pubblici post emergenza Covid-19 a tutte quelle aziende che approveranno la distribuzione dei dividendi ai soci o il riacquisto di azioni. Per tale ragione, molte imprese quotate hanno deciso di non remunerare i soci. Una scelta difficile, che ha avuto un impatto negativo sulla borsa, ma che consente di recuperare la liquidità e mantenerla in cassa, rafforzando in tal modo il patrimonio aziendale ed affrontando meglio la fase di ripresa.

Utili aziendali ai tempi del Covid: diamo un’occhiata al panorama internazionale

Nel panorama europeo, sono molti i settori colpiti dalla crisi, che hanno scelto di adottare questa strategia di un brusco taglio dei dividendi:

  • Settore petrolifero: le più grandi compagnie europee, quali la Shell o la Total, in netta controtendenza rispetto agli anni passati, ha fatto registrare un deciso taglio dei dividendi di oltre il 60%;
  • Settore aereonautico: altro ramo particolarmente penalizzato dal lockdown, con migliaia di velivoli fermi per diverse settimane, le principali compagnie hanno assunto decisioni drastiche in merito alla distribuzione degli utili. Airbus, Luthansa ed altre, in aggiunta a tali scelte, hanno dovuto chiedere la cassa integrazione per centinaia di dipendenti;
  • Settore bancario ed assicurativo: persino banche ed assicurazioni, che pure hanno sofferto meno la crisi innescata dall’emergenza sanitaria, hanno stabilito uno stop ai dividendi almeno sino al prossimo Ottobre. La stessa BCE è intervenuta in argomento, raccomandando che vengano trattenuti nei fondi delle banche circa 30 miliardi di capitale aggiuntivo, da distribuire a famiglie ed imprenditori sotto forma di erogazione di nuova finanza. Anche l’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni) ha fornito la medesima indicazione di prudenza, alla quale si sono adeguati immediatamente tutti i principali Istituti di credito ed assicurativi nazionali.

Utili aziendali ai tempi del Covid: cosa succede in Italia

Volgendo lo sguardo al panorama aziendale nazionale, circa il 56% delle aziende quotate hanno deciso di tagliare o rinviare la distribuzione dei dividendi.

Le ragioni, ancora una volta, sono da ricercare o nella particolare incidenza della crisi economica sulla singola impresa, oppure semplicemente in una maggiore cautela dettata dalla totale incertezza del futuro anche da parte di aziende perfettamente sane.

Vi sono state tuttavia delle eccezioni, rappresentate o da quelle Società che annoverano tra gli azionisti Enti pubblici (ma si tratta una scelta comprensibile dato che lo Stato ha bisogno assoluto di fondi per far ripartire il Paese); oppure da quelle imprese che non hanno affatto sofferto la crisi post Covid, ma al contrario ne hanno tratto benefici (settore farmaceutico in testa).

Cosa puoi fare tu per superare il momento di crisi?

Ci piace pensare alla tua azienda come ad una maestosa nave che sta affrontando un mare in burrasca, di cui tu sei il capitano. A te spetta un compito delicato e fondamentale:

  • Infondere coraggio, mantenere la rotta, agire in modo tale da salvare l’attività nel breve periodo ed al contempo avere una visione strategica nel lungo termine attraverso una rivisitazione delle tue scelte;
  • Produrre nuova socializzazione e valori, creare snodi di relazione all’interno dell’azienda e con l’esterno, scegliere nuovi partner e nuovi mentor, cambiare i modelli e i benchmark.

Ma più di ogni altra cosa, è necessario mantenere i nervi saldi ed un livello di razionalità, equilibrio e selezione più elevato, basato su una importante capacità predittiva e di ripensamento degli obiettivi.

Ed il primo obiettivo, in questo momento storico, come ci stanno dimostrando le scelte effettuate dalle più grandi Società nazionali ed internazionali, non è (più) quello di remunerare i soci, ma quello di proteggere tutti coloro che ruotano intorno all’azienda: i tuoi dipendenti, incentivandoli e gratificandoli nel modo giusto (per un approfondimento su questa tematica puoi dare un’occhiata all’articolo raggiungibile a questo link); ma anche i tuoifornitori e, soprattutto, il vero fulcro attorno al quale ruota la tua attività: i clienti.

Utili ai tempi del Coronavirus: conclusioni

Nell’incertezza e preoccupazione per ciò che accadrà e per quali saranno i tempi effettivi di ripresa, le strategie da adottare esistono.

Sposare una linea difensiva aumentando la componente liquida del portafoglio è, come abbiamo visto, il percorso tracciato da molte realtà.

Sappiamo bene che non sia semplice fare la scelta giusta: ecco perché saremo al tuo fianco in questo ripensamento della giusta collocazione dei tuoi utili aziendali: contattaci per una prima consulenza!

CHIEDICI DI PIÙ!