Tasse srl e snc: come scegliere la giusta forma giuridica

Tasse srl e snc: come scegliere la giusta forma giuridica

utile srl
Abbassare utile srl: una case history
11 Giugno 2019
gestione liquidità
Gestione della liquidità: i trucchi del mestiere in ambito fiscale
28 Giugno 2019
srl

srl

Le tasse srl, così come quelle di una snc, sono tra i problemi che maggiormente affliggono medi, piccoli e microimprenditori italiani.

Potremmo dire, in realtà, che sono le tasse in generale a costituire un problema, tanto per gli imprenditori quanto per i dipendenti! A differenza di questi ultimi, però, gli imprenditori hanno ben coscienza di quanto pagano, poiché non hanno uno stipendio dal quale le imposte vengono sottratte automaticamente. Inoltre, ovviamente, sono sottoposti a obblighi molto più stringenti.

Ma c’è un ma: è vero che gli imprenditori pagano più tasse, ma hanno anche a disposizione più strumenti per pagarne di meno!

Ci sono infatti molte cose che un imprenditore può fare per pagare meno imposte srl, o tasse snc. Tutto dipende esclusivamente dalla conoscenza delle misure da intraprendere.

Tasse srl e snc: come scegliere la giusta forma giuridica per la tua pmi in Italia

Questo piccolo confronto nasce da una delle domande più comuni che mi viene posta, tanto sui social quanto di persona, ossia: perché pago così tante tasse srl/tasse snc? Quale forma giuridica mi conviene adottare? Riesco a risparmiare qualcosa? È sempre vero che conviene la srl?

Partiamo subito con una premessa importante: parliamo di srl e di snc soltanto per fare due esempi. Il confronto si riferisce infatti alle tasse di una società di capitali e una di società di persone, categorie che comprendono diversi tipi di imprese. Abbiamo quindi scelto di prendere ad esempio le due forme più comuni in Italia. Parleremo quindi, in realtà, di imposte per società di perso e per società di capitali in generale.

Il background

Come ben sai, l’Italia è praticamente fondata sulle piccole imprese. La maggior parte di queste sono nate nel dopoguerra come ditte familiari e hanno proseguito la loro attività generazione dopo generazione.

Nel 2019 il Belpaese può contare 800.000 società di persone e più di 1.300.000 società di capitali.

Fino a pochi anni fa, però, il bilancio era a favore delle società di persone: è solo negli ultimi 5 anni che si è avuto un cambiamento di tendenza, che ha portato alla trasformazione di numerose imprese familiari in srl, srls o addirittura spa.

“È vero che una società di capitali paga meno tasse di una società di persone?”

Una domanda così secca difficilmente può ottenere una risposta secca. Diciamo che può dipendere da molti fattori, tra cui le contingenze patrimoniali, finanziarie ed economiche. Di certo è possibile effettuare un calcolo imposte srl, e in effetti molti dei miei clienti vengono qui proprio per avere una proiezione delle eventuali tasse di una srl, e capire se c’è la possibilità di una trasformazione giuridica.

La possibilità c’è sempre, ma ovviamente qui parliamo di una trasformazione che sia conveniente, ossia che porti a una maggiore redditività e quindi a una tua maggiore soddisfazione!

Tornando alla nostra domanda, per poter rispondere adeguatamente è necessario fare alcune premesse, specificando che esistono diverse tipologie di società di capitali.

Le società di capitali in Italia

Quando parliamo di società di capitali ci possiamo riferire a diverse tipologie di impresa:

  • S.r.l. = società a responsabilità limitata;
  • S.r.l.s. = società a responsabilità limitata semplificata
  • Srl unipersonale.

Possono essere tutte gestite secondo un regime ordinario o un regime di trasparenza.

Imposte srl: quali sono?

Le tasse srl, o meglio le tasse di una qualunque società di capitali, si dividono in quelle sul reddito dell’impresa e in quelle sul reddito dei soci.

  • L’imposta srl per eccellenza è l’IRES: oggi è pari al 24% sull’utile lordo.
  • Anche l’IRAP si riferisce al reddito dell’impresa, ed è l’imposta regionale sulle attività produttive pari al 3,5%, con aliquote differenti a seconda del settore dell’attività. Si applica alla differenza tra ricavi e costi di produzione.
  • Quando poi l’Srl è unipersonale o avviene una spartizione degli utili tra i soci è necessario pagare l’Irpef, l’imposta sul reddito delle persone fisiche, che si riferisce invece ai profitti dell’imprenditore. Qui il corrispettivo da pagare dipende da una suddivisione in scaglioni, che va dal 23% al 43% con – a seconda della regione di appartenenza – con un’addizionale che si aggira intorno all’1-2%.
  • Oltre a queste vere e proprie tasse Srl bisogna poi prendere in considerazione i vari contributi, l’INAIL e altre cifre da corrispondere sull’utile netto.

le tasse di una società di capitali

Società Snc: tasse e imposte

Quali sono invece le tasse snc, o meglio le imposte per società di persone in generale?

Le stesse di una Srl, eccezion fatta per l’IRES. Ovviamente ci saranno aliquote diverse!

Il carico fiscale è quindi più o meno equivalente.

Allora perché passare a una Srl?

Torniamo ancora alla domanda principale. Alla luce di quanto abbiamo detto, perché ci sono moltissimi imprenditori che vogliono passare a una società di capitali?

Perché, negli ultimi anni, abbiamo avuto una forte contrazione delle società di persone in favore in Srl e Srls?

Per due motivi fondamentali:

  • Il primo è relativo alla salvaguardia del patrimonio personale. In una società di persone non si ha infatti una divisione, un muro tra il capitale dell’impresa e quello dell’imprenditore.

Questo potrebbe sembrare positivo, ma cosa succede quando le cose vanno male? Succede che i creditori, fisco, banche, fornitori, possono rivalersi sui beni personali degli imprenditori!

In una società di persone non c’è distinzione tra il fatturato del primo trimestre e la tua casa, i tuoi beni strumentali e il tuo patrimonio. Tutto fa parte di quel patrimonio che può essere utilizzato per far fronte ai bisogni dell’azienda.

Questo in una Srl non accade! Patrimoni personali e aziendali sono ben separati da un muro di cemento armato: nessuno potrà mai rivalersi sui tuoi beni personali.

  • Il secondo motivo ha a che fare invece con la base imponibile, ossia la base economica sulla quale vengono calcolate le imposte srl e le imposte di società di persone.

La base imponibile di una Srl può essere facilmente gestita – in maniera del tutto legale – attraverso diversi strumenti. Per fare un esempio banale, la scorsa settimana abbiamo parlato di come abbiamo abbassato l’utile di 20000 €,  con un notevole risparmio in termini di tasse srl. A parità di condizioni, quindi, la base imponibile di una Srl può essere ritenuta più leggera, o meglio più gestibile, meno “rigida” rispetto a quella di una società di persone.

Per rispondere alla domanda, quindi: no, non è vero che di default in una Srl si pagano meno tasse. È possibile pagare meno tasse se adotta un corretto controllo di gestione!

Ciò detto, è vero che la Srl comporta una contabilità più complessa e leggermente più impegnativa a livello economico. Ma questo fa parte di una cultura imprenditoriale o meglio manageriale, una forma mentis che dovresti adottare per la tua impresa poiché ti consente di adottare un approccio più evoluto, più business-oriented che production-oriented.

Per dirla breve: non preoccuparti più soltanto della produzione, in cui sei bravissimo. Pensa anche a come guadagnare di più e lasciati aiutare a farlo!