Nuovo condono Agenzia delle Entrate: chi ne beneficia

Nuovo condono Agenzia delle Entrate: come funziona e chi ne beneficia

gestire utile
Come gestire l’utile nell’anno della ripartenza post Covid
27 Ottobre 2021
condono Agenzia delle Entrate

condono Agenzia delle Entrate

Senti nell’aria questo profumo di…nuovo condono Agenzia delle Entrate? Ti diamo una splendida notizia: il Governo ha deciso di concedere il condono fiscale 2021 e stralcio cartelle esattoriali.

Ma come funziona e chi può beneficiarne? Quali sono le condizioni, i requisiti ed i limiti per ottenere l’annullamento delle cartelle esattoriali?

In questo articolo approfondiremo:

  • Chi può richiedere il nuovo condono agenzia delle entrate
  • Per quali debiti
  • Come viene effettuato il calcolo.

Nuovo condono Agenzia delle Entrate deciso dal Governo Draghi

Era stato annunciato per dare un po’ di respiro a tanti imprenditori e liberi professionisti colpiti dalla crisi economica causata dalla pandemia da Coronavirus e dal conseguente stop forzato della propria attività.

Se ne è parlato, discusso, ragionato…e finalmente è stato ufficializzato dal Governo Draghi attraverso il cosiddetto Decreto Sostegni: il condono fiscale 2021 è una realtà. Comporterà un risparmio sostanzioso per le casse di molti imprenditori: le cartelle esattoriali fino a 5mila euro verranno integralmente stralciate, sebbene entro certi limiti.

Ma quali sono i requisiti stabiliti per poterne beneficiare? Vediamoli insieme.

Nuovo condono Agenzia delle Entrate: lo stralcio delle cartelle esattoriali

Attraverso il nuovo condono 2021 verranno eliminate le cartelle esattoriali pendenti ma non ancora riscosse.

Cosa si intende per “pendenti ma non ancora riscosse”? In pratica si tratta di tutti quegli accertamenti fiscali notificati agli interessati negli scorsi anni (a partire dall’anno 2000), ma non ancora pagati dai contribuenti né attraverso versamenti spontanei né attraverso riscossione coattiva.

In particolare, tutte le cartelle esattoriali sotto i 5mila euro notificate tra il primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2010 sono completamente annullate.

Da precisare, peraltro, che restano escluse dall’azzeramento alcune voci:

  • Recuperi di aiuti di Stato
  • Somme derivanti da sentenze di condanna della Corte dei Conti
  • Dazi ed Iva all’importazione (di competenza dell’Unione Europea)
  • Tari e in generale le somme che vengono riscosse dagli Enti Pubblici Territoriali (Regioni, Province e Comuni).

Nuovo condono fiscale 2021: come si calcola il limite di importo

Il limite dei 5mila euro, che abbiamo visto poc’anzi in riferimento allo stralcio cartella esattoriale, è da intendersi come ammontare del debito residuo.

Per calcolare tale importo non bisogna considerare l’intera cartella, bensì i singoli carichi in essa contenuti: capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni. Da escludere invece gli interessi di mora e le spese di procedura.

La cosa davvero interessante, però, è un’altra: come chiarito dall’Agenzia delle Entrate, se il contribuente ha più carichi iscritti a ruolo non rileva la somma di essi, bensì l’importo di ciascuno. Quindi “se i singoli carichi non superano i 5.000 euro, possono beneficiare tutti dell’annullamento”.

Facciamo un esempio.

Ipotizziamo una cartella esattoriale singola, composta da queste quattro voci debitorie (i “carichi” appunto):

  • Irpef 3.500 euro
  • Iva 2.500 euro
  • Multe per violazioni del codice della strada 3.300 euro (cioè 11 violazioni per 300 euro ciascuna).

Il totale della cartella sarebbe di € 9.300, quindi se prendessimo questo valore come parametro supererebbe la soglia stabilita per lo stralcio della cartella esattoriale 2021; invece no!

Poiché le singole voci non superano ciascuna i 5mila euro, ciascuna di esse viene annullata e il contribuente non dovrà pagare nulla!

Nuovo Condono Agenzia delle Entrate: chi sono i beneficiari

Chi potrà usufruire di questa interessante agevolazione?

Tutti i contribuenti, sia persone fisiche che Società (di persone, di capitali e gli enti non commerciali) purchè si verifichino le seguenti condizioni:

  • abbiano conseguito un reddito imponibile non superiore ad € 30.000
  • tale reddito sia relativo all’anno di imposta 2019
  • entro tali limiti possono beneficiarne anche i redditi soggetti a cedolare secca, ad imposta sostitutiva per le partite Iva a regime forfettario (la flat tax) e le quote di agevolazione Ace.

Condono fiscale 2021: come funzionerà l’annullamento e in quali tempi

Se stai pensando di dover preparare tonnellate di scartoffie per accedere al nuovo condono fiscale puoi tirare un sospiro di sollievo: avverrà tutto in automatico.

La stessa Agenzia delle Entrate infatti, che ha in carico le dichiarazioni dei redditi  presentate nel 2020 con il Modello 730 o le Certificazioni uniche 2020 fino al 14 luglio 2021, ha già comunicato al servizio riscossione tributi i codici fiscali dei contribuenti che rientrano nella fascia reddituale dei 30mila euro.

A questo punto, entro il 31 ottobre 2021 verrà automaticamente operato l’annullamento del debito senza alcuna comunicazione da parte tua.

Se pensi di rientrare nel beneficio, eventualmente puoi verificare sul sito se la cartella sia stata effettivamente cancellata, inserendo le tue credenziali.

Se hai dubbi siamo qui per aiutarti, non devi fare altro che contattarci!

Nuovo Condono fiscale Agenzia delle Entrate

Ti abbiamo dato una gioia oggi, vero?

Non basta, te ne diamo un’altra: il condono fiscale 2021 si applica anche alle cartelle rientranti nella rottamazione ter e a quelle inserite nel saldo e stralcio. Sarà la stessa Agenzia delle Entrate a ricalcolare gli importi residui delle rate dovute, al netto dei debiti cancellati.

Quindi il Governo ha mantenuto la promessa, il nuovo Condono Agenzia delle Entrate è una realtà e siamo certi che farà tirare un bel sospiro di sollievo a molti imprenditori.

Se vuoi saperne di più contattaci per una consulenza personalizzata